sal_01 sal_12 sal_20 sal_21 sal_22

Descrizione Isola

Originariamente chiamata “Lhana” a causa del suo terreno molto piatto, questa isola più tardi ha adottato il suo nome attuale dopo aver scoperto una grande quantità di sale in essa contenuta. Oggi, sono ancora visibili le strutture utilizzate per il funzionamento del prodotto esportato in grandi quantità, tra la diciottesima e la prima metà del XX secolo, verso la costa africana e il Brasile.
Saline di Pedra de Lume, che si trova nel cratere di un antico vulcano, sono il miglior esempio. Il loro unico accesso è abbastanza curioso, in quanto è attraverso un tunnel che sembra separare due mondi diversi. La vista è unica e il colore del terreno coperto con sale, varia dal blu turchese, bianco e rosa.
E ‘sulla punta meridionale dell’ isola la vera bellezza, dove mare turchese e le spiagge dorate sono sovrapposti su una natura arida e sterile. Nel piccolo comune di Santa Maria si trova la omonima spiaggia, la più conosciuta e la più sfruttata a livello turistico. E ‘su questa spiaggia di 14 km circa di sabbia dorata, con un mare caldo tutto l’anno, che si trovano gli hotel più grandi e migliori nel paese. Nel corso degli anni, questo luogo è stato gradualmente trasformato in una destinazione turistica, molto apprezzata dai visitatori provenienti da tutto il mondo.
Sport acquatici come surf, immersioni e pesca offrono un paradiso a tutti gli appassionati ed è qui che si svolgono i campionati di surf a livello internazionale. L’atmosfera di Capo Verde è esaltata da gruppi di musicisti, i cui suoni accompagnano i visitatori a specialità gastronomiche e l’ascolto del dolce sussurro delle onde…

Cosa visitare

Le saline di Pedra de Lume: Situate sulla costa orientale dell’isola, queste saline occupano tutto il cratere di un vulcano estinto, le cui falde porose permettono l’infiltrazione dell’acqua di mare. Si accede tramite un tunnel scavato nel 1804 dall’imprenditore Manuel Antonio Martins, il principale responsabile dello sfruttamento intensivo commerciale delle saline di Sal. Visitate anche le saline di Santa Maria.
Monte Leão: All’estremità settentrionale di Murdeira Bay ce un sentiero a ovest, che porta alla valle costiera del Monte Leão, l’inconfondibile “leone” che guarda verso il mare. È indicato sulle cartine come Rabo de Junco.
Ponta da Parede: Una piccola spiaggia appartata, circa mezzo chilometro prima della fine del sentiero per il Monte Leào. C’è un piccolo soffione dell’oceano e alcune polle deliziose scavate nella roccia.
Belvedere: Dopo la visita a Monte Leào, proseguite circa 2,5 km lungo la strada e troverete un altro sentiero verso nord, che più avanti confluisce in un tracciato più grande a sinistra.
Percorrendolo vi ritroverete a un belvedere, 45 metri sopra il livello del mare. C’è una buona vista sul Monte Leào e giù, su Santa Maria.
Fontona: È un’oasi deliziosa piena di alberi, che dista circa 3 chilometri a sud di Palmeira. Potete raggiungerla seguendo la strada del belvedere (sopra) per altri 2,5 km, a nordovest e poi verso nord. In alternativa, potete arrivarci da Palmeira (seguite le indicazioni svoltando a sinistra dalla strada che porta dentro Palmeira).
Palmeira: Palmeira è una piccola e gradevole località, poco visitata dai turisti. Al porto potete rilassarvi al bar di fronte al mare insieme alla gente del posto, o guardarla folleggiare in acqua (e unirvi a lei) nei giorni festivi. Potete fare due chiacchiere con gli occupanti degli yacht di passaggio attraverso l’Atlantico. Potete raggiungere Palmeira con un aluguer da Espargos (100 $), a piedi o in autostop.

Come arrivare

L’aeroporto internazionale Amilcar Cabral (isola di Sal) riceve voli dagli Stati Uniti, Europa, America del Sud e Africa. La compagnia aerea di Cabo Verde TACV realizza tra 6 e 10 voli giornalieri da e per Santiago, tra 2 e 4 voli da e per São Vicente, un volo giornaliero da e per Boa Vista, tre voli settimanali da e per São Nicolau e due voli settimanali da e per Fogo.
Se la sala arrivi vi sembrerà un po caotica non preoccupatevi, non incontrerete nessun problema di smarrimento bagagli o comunque problemi che potreste incontrare in aeroporti Africani.
Dall’aeroporto la maggior parte degli alberghi e villaggi va a prendere i turisti con un proprio minibus o come alternativa potete salire in uno dei moltissimi taxi che aspettano i turisti fuori dall’aeroporto; costo taxi da Santa Maria – Aeroporto e viceversa 10,00 Euro.

Zone pericolose segnalate

Evitare spiaggie isolate di giorno. Di notte sconsigliamo vivamente di frequentarle anche se in compagnia.
Santa Maria prudenza di giorno. Di sera muoversi unicamente con taxi.
Si segnala la presenza ‘massicia’ di Senegalesi presenti nelle strade di Sal che molte volte si rivelano troppo ‘insistenti’ nel vendervi un oggetto. Non sono considerati pericolosi.

Vaccinazioni richieste e quelle consigliate

Vaccinazioni obbligatorie
Febbre gialla solo per i passeggeri in arrivo dall’Africa e Brasile.
Vaccinazioni facoltative (ma consigliate): Antitetanica, Epatite A

Misure di cautela da adottare

Portare con voi la quantità sufficiente per la giornata o serata di denaro.
Consigliamo di visitare l’isola sempre e solo con la copia dei documenti mentre quelli originali li lasceremo in luogo sicuro e custodito.
Non mettere in evidenza oggetti preziosi come orologi, bracciali, telefonini e computer.
Adottare le misure di sicurezza dettate dal buon senso.

Informazioni utili, mappa dell’isola e numeri telefonici.

Superficie: 216 kmq, Coste: 96 km, Altitudine massima: 405 m, Popolazione: 14800 ab.

Espargos
Hospital - 241 11 30
Bombeiros - 241 11 31
Polícia - 241 11 32
ASA - 241 11 35
Aeroporto - 241 14 68
Enapor - 241 13 48
Informações - 241 11 06
Electra - 241 11 33
 Santa Maria
Hospital - 242 11 30
Polícia - 242 11 32